Case history
Bonifica e ripristino motori

Pazienza, precisione e qualità al servizio delle eccellenze industriali

Cosa è successo

Una violenta tromba d’aria colpisce gli stabilimenti produttivi di una famosa azienda del settore automobilistico. L’intera struttura riporta ingenti danni: il tetto e i lucernai sono stati scoperchiati; l’acqua, i detriti e i residui di lana di roccia sono penetrati all’interno, contaminando il reparto dove vengono montati e messi a punto i motori. Questi, stoccati all’interno del reparto di montaggio, sono investiti da acqua, polveri, detriti, umidità e condensa; purtroppo, al momento del danno, i condotti di aspirazione e dei gas di scarico sono aperti così come quelli per il passaggio dei fluidi di raffreddamento: è possibile perciò che al loro interno siano penetrati residui e polveri, che potrebbero compromettere il futuro funzionamento dei motori.

1

Cosa abbiamo fatto

In accordo con il Cliente, i nostri tecnici eseguono alcuni test a campione – sia sui motori benzina che sui motori diesel – così da indentificare il tipo di danno e stabilire la tecnica di bonifica più corretta. Si cercano in particolare le prime tracce di corrosione all’interno e all’esterno dei motori. In caso vengano trovate, i motori devono essere smontati, bonificati in ogni loro parte e poi rimontati; per quelli che non presentato segni di deterioramento, invece, è sufficiente ripulire accuratamente le tubazioni e i connettori elettrici da polveri e residui sottili. La pulizia delle superfici esterne è realizzata con la tecnica della sabbiatura criogenica. È un lavoro lungo e paziente: in questo modo vengono trattati più di 1.100 motori: tra questi, circa 1.000 vengono risanati e recuperati, mentre 100 vengono scartati perché danneggiati irreparabilmente. Al termine del lavoro di bonifica, i motori risanati ottengono la garanzia del produttore e possono essere reinseriti nella catena di montaggio.

2